piatto pesci magna grecia

Influenze della Magna Grecia sulla cucina siciliana

La Sicilia ha una storia che ad oggi ne costituisce una forte identità, anche e soprattutto culinaria. La cucina siciliana è motivo di riconoscimento di un’identità comune per i siciliani e, nell’epoca moderna, un motivo di attrazione turistica. Oggi vorremmo approfondire il discorso sulla Magna Grecia e sulle sue influenze sulla nostra cucina.


La cucina siciliana è famosa per essere ricca nonostante i suoi ingredienti semplici, deliziosa al palato quanto alla vista; coi suoi colori sgargianti e i suoi profumi di spezie ed erbe aromatiche, si muove con disinvoltura fra dolce e salato, rivelando ispirazioni provenienti dalle molteplici civiltà che hanno dominato l’Isola. La Sicilia, ambita terra di conquista, ha saputo raccogliere e unificare in preziose ricette le idee e i nuovi ingredienti giunti sul suo suolo.
Con lo scorrere dei secoli molti popoli hanno solcato i nostri mari e conquistato le nostre terre, e l’avvicendarsi di queste dominazioni ha reso ogni zona della Sicilia unica e caratterizzata da specialità gastronomiche peculiari che creano a oggi una delle basi più solide della cucina mediterranea.

Magna Grecia

Senza considerare il periodo protostorico poiché si hanno scarse e incerte notizie che lo riguardano, si può identificare nella Magna Grecia un primo nucleo di vero interesse culinario. Due sono stati i grandi doni dei greci in Sicilia, il rispetto per l’olio d’oliva e la capacità d’innestare la vite del vino con barbatelle importate dalla stessa Grecia,  che ha consentito la nascita di un’enologia arcaica sviluppatasi poi fino ai nostri giorni.
Secondo punto su cui focalizzare lo sguardo sono le poche ma interessanti fonti scritte da cui possiamo apprendere dell’esistenza di grandi cuochi nati in Sicilia e di una cucina che diventa arte. Si studiano i piatti e se ne scrive, addirittura un cuoco assai rinomato il Landuco apre una primitiva scuola di cucina per cuochi di professione che sapessero sfruttare per bene le abbondanti risorse ittiche e i prodotti dell’agricoltura e della pastorizia.

 

No votes yet.
Please wait...
No Comments

Post A Comment